Giardina, Viarre e il dio ambiguo. Ancora su Properzio IV, 6, 59-60