La conferma di paternità. Properzio IV, 6, 60 tra filologia e antropologia