Trattative, contatto sociale qualificato e culpa in contrahendo: verso la tesi contrattualistica