L’intervento legislativo sugli ammortizzatori sociali, dichiaratamente volto a realizzare quell’obiettivo di “flessicurezza” in grado di compensare l’indebolimento della condizione del lavoratore nel mercato del lavoro, non solo non annulla gli squilibri che caratterizzano il sistema pregresso, ma mette in ancora maggiore evidenza la sua più evidente lacuna: la mancanza di strumenti di tutela non a base occupazionale, destinati a tutti i cittadini che si trovino in condizioni di bisogno economico.

Orlandini, G. (2015). La via italiana alla flexicurity: la riforma degli ammortizzatori sociali nel Jobs Act. QUESTIONE GIUSTIZIA(3), 67-75.

La via italiana alla flexicurity: la riforma degli ammortizzatori sociali nel Jobs Act

ORLANDINI, GIOVANNI
2015

Abstract

L’intervento legislativo sugli ammortizzatori sociali, dichiaratamente volto a realizzare quell’obiettivo di “flessicurezza” in grado di compensare l’indebolimento della condizione del lavoratore nel mercato del lavoro, non solo non annulla gli squilibri che caratterizzano il sistema pregresso, ma mette in ancora maggiore evidenza la sua più evidente lacuna: la mancanza di strumenti di tutela non a base occupazionale, destinati a tutti i cittadini che si trovino in condizioni di bisogno economico.
Orlandini, G. (2015). La via italiana alla flexicurity: la riforma degli ammortizzatori sociali nel Jobs Act. QUESTIONE GIUSTIZIA(3), 67-75.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
qg_2015-3_09.pdf

accesso aperto

Tipologia: PDF editoriale
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 183 kB
Formato Adobe PDF
183 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/980468