Il saggio analizza il controllo del feudo nella Toscana moderna (secoli (XVI e XVII) da parte della dinastia medicea; il feudo si configura quindi per i granduchi sia come un oggetto di espansione territoriale (principalmente attraverso transazioni economiche, ma anche per mezzo di manovre politiche palesi o occulte) sia come uno strumento di promozione sociale. Lo studio, inoltre, mette in evidenza alcuni fenomeni economici legati alla vendita dei feudi e, soprattutto, la lunga durata dei rapporti di dipendenza.

Parigino, G.V. (2014). Continuità e mutamento. Il feudo nel Granducato mediceo tra espansione e promozione sociale. RICERCHE STORICHE, 2-3(maggio-dicembre), 209-232.

Continuità e mutamento. Il feudo nel Granducato mediceo tra espansione e promozione sociale

PARIGINO, GIUSEPPE VITTORIO
2014

Abstract

Il saggio analizza il controllo del feudo nella Toscana moderna (secoli (XVI e XVII) da parte della dinastia medicea; il feudo si configura quindi per i granduchi sia come un oggetto di espansione territoriale (principalmente attraverso transazioni economiche, ma anche per mezzo di manovre politiche palesi o occulte) sia come uno strumento di promozione sociale. Lo studio, inoltre, mette in evidenza alcuni fenomeni economici legati alla vendita dei feudi e, soprattutto, la lunga durata dei rapporti di dipendenza.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Feudalità-Parigino.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Licenza: DRM non definito
Dimensione 229.27 kB
Formato Adobe PDF
229.27 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/972042
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo