L'eredità gobettiana ne "Il Mondo"