Capitalismo e democrazia. Qualche osservazione su un libro di Michele Salvati