Emanuele Gianturco, il lavoro e il codice mancato