L’alternativa tra concordato preventivo e amministrazione straordinaria