Stile, iconografia, funzioni. A proposito di "Padre e figlio" di Max Seidel