Su di un caso di sindrome di Brown ‘acquisita’ bilaterale