Su un caso di degenerazione nodulare di Salzman