L'articolo propone una nuova interpretazione del frammento proveniente dagli "Adulatori" di Eupoli, rappresentati alle Dionisie del 421 a.C., lo stesso anno della Pace di Aristofane (che ottenne il secondo posto dietro la commedia eupolidea). L'analisi si concentra soprattutto sul terzo verso, dove, contro l'interpretazione più diffusa, che vedeva nel termine eilipodes un'allusione alle prostitute che allietavano i banchetti del ricchissimo Callia, uno dei protagonisti della commedia, si cerca di dimostrare che il termine indicava le ballerine.

Beta, S. (1995). Le donne di Callia (Eupoli, fr. 174 Kassel-Austin). QUADERNI URBINATI DI CULTURA CLASSICA, nuova serie 51 (vol. 80 della serie continua)(3), 93-98.

Le donne di Callia (Eupoli, fr. 174 Kassel-Austin)

BETA, SIMONE
1995

Abstract

L'articolo propone una nuova interpretazione del frammento proveniente dagli "Adulatori" di Eupoli, rappresentati alle Dionisie del 421 a.C., lo stesso anno della Pace di Aristofane (che ottenne il secondo posto dietro la commedia eupolidea). L'analisi si concentra soprattutto sul terzo verso, dove, contro l'interpretazione più diffusa, che vedeva nel termine eilipodes un'allusione alle prostitute che allietavano i banchetti del ricchissimo Callia, uno dei protagonisti della commedia, si cerca di dimostrare che il termine indicava le ballerine.
Beta, S. (1995). Le donne di Callia (Eupoli, fr. 174 Kassel-Austin). QUADERNI URBINATI DI CULTURA CLASSICA, nuova serie 51 (vol. 80 della serie continua)(3), 93-98.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
pdf qucc eupoli.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 2.48 MB
Formato Adobe PDF
2.48 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/40073