Il trust tra soggettività e trasparenza