Partendo dal concetto di sublime in Occidente e di sublime (samvega) in Oriente si giunge, dopo un itere estetico-filosofico-linguistico, a tentare di svelare il segreto intimo e ineffabile di quel legame, unico e indissolubile, che giace al fondo della "mente", e dell' "immaginazione creativa", di quel "mundus imaginalis" che fa, paradossalmente, di "esibito" (presentabile) e di "non presentabile" (limite di fronte a cui si arresta il presentabile), di umano e divino, di mortale e immortale, di Io e Sé, di manifestato e non-manifestato, una sola cosa, come "due uccelli inseparabilmente uniti".

Solitario, F. (2012). Il Sublime paradosso dei due uccelli inseparabilmente uniti ovvero Il sublime tra l'«"indicibile", l'"impresentabile"» e la «"presenza" esibita». ARKETE, 1(1), 63-88.

Il Sublime paradosso dei due uccelli inseparabilmente uniti ovvero Il sublime tra l'«"indicibile", l'"impresentabile"» e la «"presenza" esibita».

SOLITARIO, FRANCESCO
2012

Abstract

Partendo dal concetto di sublime in Occidente e di sublime (samvega) in Oriente si giunge, dopo un itere estetico-filosofico-linguistico, a tentare di svelare il segreto intimo e ineffabile di quel legame, unico e indissolubile, che giace al fondo della "mente", e dell' "immaginazione creativa", di quel "mundus imaginalis" che fa, paradossalmente, di "esibito" (presentabile) e di "non presentabile" (limite di fronte a cui si arresta il presentabile), di umano e divino, di mortale e immortale, di Io e Sé, di manifestato e non-manifestato, una sola cosa, come "due uccelli inseparabilmente uniti".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/39318
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo