La lombalgia è una affezione dolorosa, più o meno intensa, della regione lombare o lombo-sacrale. La scelta della terapia più adeguata è legata alla intensità delle manifestazioni: dolori acuti, intensi e violenti, devono essere trattati innanzitutto con i farmaci antinfiammatori, dolori continui e persistenti richiedono un trattamento più complesso e polimodale, a seconda della costituzione e delle condizioni della colonna vertebrale. In genere si associano antinfiammatori con la fisioterapia ed un adeguato programma di attività fisica riabilitativa. Le principali classi di farmaci utilizzati nelle lombalgie sono i farmaci antiinfiammatori non steroidei (acido acetilsalicilico, nimesulide, piroxicam, ketoprofene, diclofenac), gli steroidei (prednisolone, metilprednisolone, betametasone, desametasone) ed i miorilassanti (diazepam, tiocolchicoside). Occasionalmente qualora il dolore fosse difficilmente controllabile possono essere utilizzati gli analgesici narcotici (tramadolo). Questi ultimi possono essere associati validamente ai FANS. Infatti con questa associazione (con un meccanismo di somma o potenziamento) si aumenta il potere analgesico e si riducono le dosi e gli effetti secondari.

Passarello, F., Micheli, L., Runci, F.M. (2005). Terapia farmacologica delle lombalgie. BOLLETTINO D'INFORMAZIONE SU FARMACI E TERAPIA, V(1), 1-6.

Terapia farmacologica delle lombalgie

PASSARELLO, FRANCESCO;MICHELI, LUCIA;RUNCI, FRANCESCO MICHELE
2005-01-01

Abstract

La lombalgia è una affezione dolorosa, più o meno intensa, della regione lombare o lombo-sacrale. La scelta della terapia più adeguata è legata alla intensità delle manifestazioni: dolori acuti, intensi e violenti, devono essere trattati innanzitutto con i farmaci antinfiammatori, dolori continui e persistenti richiedono un trattamento più complesso e polimodale, a seconda della costituzione e delle condizioni della colonna vertebrale. In genere si associano antinfiammatori con la fisioterapia ed un adeguato programma di attività fisica riabilitativa. Le principali classi di farmaci utilizzati nelle lombalgie sono i farmaci antiinfiammatori non steroidei (acido acetilsalicilico, nimesulide, piroxicam, ketoprofene, diclofenac), gli steroidei (prednisolone, metilprednisolone, betametasone, desametasone) ed i miorilassanti (diazepam, tiocolchicoside). Occasionalmente qualora il dolore fosse difficilmente controllabile possono essere utilizzati gli analgesici narcotici (tramadolo). Questi ultimi possono essere associati validamente ai FANS. Infatti con questa associazione (con un meccanismo di somma o potenziamento) si aumenta il potere analgesico e si riducono le dosi e gli effetti secondari.
Passarello, F., Micheli, L., Runci, F.M. (2005). Terapia farmacologica delle lombalgie. BOLLETTINO D'INFORMAZIONE SU FARMACI E TERAPIA, V(1), 1-6.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Passarello Bift 2005 con pagine.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 64.26 kB
Formato Adobe PDF
64.26 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11365/26037
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo