Il possibile ruolo sociale dei "poveri di spirito"