L'articolo raccoglie le note di un'etnografia condivisa del Barilotto o festa dei rioni di Castellina Scalo, piccola frazione nel Chianti, pochi chilometri a nord di Siena che ho osservato insieme a Josè Coleman, intellettuale Kuna e profondo conoscitore della propria tradizione orale. Si tratta di una festa di recente istituzione, basata su giochi e animazioni lontani dalle forme della festa medievale o neogotica dell'area senese e molto sensibile a modelli televisivi. Dalle due prospettive incrociate e confrontate, qui sinteticamente riassunte, nasce un gioco di interpretazioni che rivela la natura polisemica delle pratiche festive.

Putti, R. (2009). Gli sguardi incrociati, cronaca di una festa. LARES, LXXV, 325-337.

Gli sguardi incrociati, cronaca di una festa

PUTTI, RICCARDO
2009

Abstract

L'articolo raccoglie le note di un'etnografia condivisa del Barilotto o festa dei rioni di Castellina Scalo, piccola frazione nel Chianti, pochi chilometri a nord di Siena che ho osservato insieme a Josè Coleman, intellettuale Kuna e profondo conoscitore della propria tradizione orale. Si tratta di una festa di recente istituzione, basata su giochi e animazioni lontani dalle forme della festa medievale o neogotica dell'area senese e molto sensibile a modelli televisivi. Dalle due prospettive incrociate e confrontate, qui sinteticamente riassunte, nasce un gioco di interpretazioni che rivela la natura polisemica delle pratiche festive.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
sguardi.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 998.39 kB
Formato Adobe PDF
998.39 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/24791
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo