Ancora sulla presenza dei classici nella poesia italiana contemporanea