La responsabilità disciplinare del notaio tra nullità parziale, relatività della legittimazione e nullità inequivoca