Si affronta l’annoso problema circa la reale efficacia per gli studi paleografici della riedizione materiale, in tempi moderni, di tecniche di composizione e ornamentazione del manoscritto medievale, in assenza di informazioni certe e complete riguardo alle metodologie di preparazione dei materiali di base, dovute al fatto che i ricettari di colori o pigmenti sono relativamente recenti e potrebbero servire al limite solo per l’età umanistico-rinascimentale e in ultima analisi risultano utili solo a moderni calligrafi, il cui impegno è mimetico della scrittura medievale e non scientifico-conoscitivo dei modi, dei tempi e delle finalità storiche di produzione di scrittura e di libro

Tristano, C. (1986). Paleografi, calligrafi e...impagliatori di dinosauri. GAZETTE DU LIVRE MÉDIÉVAL, 9, 9-14.

Paleografi, calligrafi e...impagliatori di dinosauri

TRISTANO, CATERINA
1986

Abstract

Si affronta l’annoso problema circa la reale efficacia per gli studi paleografici della riedizione materiale, in tempi moderni, di tecniche di composizione e ornamentazione del manoscritto medievale, in assenza di informazioni certe e complete riguardo alle metodologie di preparazione dei materiali di base, dovute al fatto che i ricettari di colori o pigmenti sono relativamente recenti e potrebbero servire al limite solo per l’età umanistico-rinascimentale e in ultima analisi risultano utili solo a moderni calligrafi, il cui impegno è mimetico della scrittura medievale e non scientifico-conoscitivo dei modi, dei tempi e delle finalità storiche di produzione di scrittura e di libro
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/22209
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo