Il presente studio di coorte è stato condotto per valutare il quadro di mortalità dei lavoratori occupati per almeno sei mesi nella Manifattura Tabacchi di Lucca, nel periodo 01.01.1960-01.01.1994. L’indagine ha preso in esame 2.341 lavoratori (1.585 donne e 756 uomini) iscritti nei libri matricola dell’azienda, per un periodo di follow-up che va dalla data di inizio dell’impiego fino al 01.06.2002 (complessivamente 74.363,5 anni-persona). Ambedue i sessi hanno evidenziato una riduzione di mortalità per tutte le cause (uomini: SMR= 0,8; IC 95% 0,7-0,9; 158 decessi; donne: SMR= 0,9; IC 95% 0,7-1,0; 584 decessi) e i decessi dovuti all’insieme delle patologie tumorali sono risultati confrontabili a quanto atteso. Tra le donne, il rischio di decesso per tumore maligno della pleura è risultato elevato (SMR= 6,0; IC 95% 2,4-12,6; 5 decessi osservati). Un decesso per questo tipo di tumore è stato anche osservato tra gli uomini rispetto a 0,4 attesi. Tutte le lavoratrici decedute per tumore maligno della pleura sono state impiegate presso la manifattura tabacchi per almeno 30 anni. L’eccesso di mesoteliomi da noi rilevato ribadisce la necessità di considerare il rischio legato all’uso dell’amianto in molti settori industriali, particolarmente nei casi di processi produttivi svolti con l’impiego di vapore acqueo a scopo estrattivo o energetico.

PARDUCCI D., A., Puccetti, M., MARTINI BIANCHI, L., ROSELLI M., G., Vaghetti, E., Settimi, L., et al. (2005). Studio di mortalità degli addetti alla manifuttura del tabacco di Lucca. EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE, 29(5-6), 271-277.

Studio di mortalità degli addetti alla manifuttura del tabacco di Lucca.

ORSI, DANIELA;BATTISTA, GIUSEPPE
2005

Abstract

Il presente studio di coorte è stato condotto per valutare il quadro di mortalità dei lavoratori occupati per almeno sei mesi nella Manifattura Tabacchi di Lucca, nel periodo 01.01.1960-01.01.1994. L’indagine ha preso in esame 2.341 lavoratori (1.585 donne e 756 uomini) iscritti nei libri matricola dell’azienda, per un periodo di follow-up che va dalla data di inizio dell’impiego fino al 01.06.2002 (complessivamente 74.363,5 anni-persona). Ambedue i sessi hanno evidenziato una riduzione di mortalità per tutte le cause (uomini: SMR= 0,8; IC 95% 0,7-0,9; 158 decessi; donne: SMR= 0,9; IC 95% 0,7-1,0; 584 decessi) e i decessi dovuti all’insieme delle patologie tumorali sono risultati confrontabili a quanto atteso. Tra le donne, il rischio di decesso per tumore maligno della pleura è risultato elevato (SMR= 6,0; IC 95% 2,4-12,6; 5 decessi osservati). Un decesso per questo tipo di tumore è stato anche osservato tra gli uomini rispetto a 0,4 attesi. Tutte le lavoratrici decedute per tumore maligno della pleura sono state impiegate presso la manifattura tabacchi per almeno 30 anni. L’eccesso di mesoteliomi da noi rilevato ribadisce la necessità di considerare il rischio legato all’uso dell’amianto in molti settori industriali, particolarmente nei casi di processi produttivi svolti con l’impiego di vapore acqueo a scopo estrattivo o energetico.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
battista_epiprev_02.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 981.47 kB
Formato Adobe PDF
981.47 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/21395
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo