Ciampi, Tabucchi e il «regimetto»