Una difficile ontologia sociale. A proposito di una recente interpretazione di Bonald