Sintassi e testualità dello «Zibaldone di Pensieri» di Giacomo Leopardi (II)