A partire da una sequenza contenuta in Vivre sa vie (1962) di J.-L. Godard, il saggio discute l'immagine filmica analogica quale esemplare luogo di mediazione tra l'alterità del sensibile e il farsi di un progetto formativo.

Venzi, L. (2008). La passante di Godard e l’esperienza della vie toute seule. FATA MORGANA, 4, 157-162.

La passante di Godard e l’esperienza della vie toute seule

Venzi Luca
2008

Abstract

A partire da una sequenza contenuta in Vivre sa vie (1962) di J.-L. Godard, il saggio discute l'immagine filmica analogica quale esemplare luogo di mediazione tra l'alterità del sensibile e il farsi di un progetto formativo.
Venzi, L. (2008). La passante di Godard e l’esperienza della vie toute seule. FATA MORGANA, 4, 157-162.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/12113
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo