The issue related to challengeable acts is a crucial point in the study of the tax trial. After the changes that have affected the tax jurisdiction in recent years, with the inclusion of all disputes that concern "the taxes of every genus and species however called", the jurisprudence of the Court of Cassation has gradually widened the spectrum of the challengeable acts, holding that the taxpayer can always challenge acts other than those indicated in art. 19, d.lgs. n. 546/1992, provided they contain a tax claim which is "completed and defined". This approach poses serious problems of systematic consistency, in relation to the nature and the structure of the tax trial, as it seems to legitimize the taxpayer to propose actions of negative assessment of the tax debt.

Il tema degli atti impugnabili costituisce uno snodo cruciale nello studio del processo tributario. A seguito delle modifiche che hanno interessato la giurisdizione tributaria negli ultimi anni, con l’inclusione di tutte le controversie che hanno ad oggetto “i tributi di ogni genere e specie comunque denominati”, la giurisprudenza della Corte di Cassazione ha via via ampliato lo spettro degli atti impugnabili, ritenendo che il contribuente possa sempre contestare atti diversi da quelli indicati nell’art. 19, d.lgs. n. 546/1992, purché contengano una pretesa tributaria “compiuta e definita”. Questo orientamento pone seri problemi di coerenza sistematica, in relazione alla natura tipicamente impugnatoria del processo tributario, legittimando il contribuente a proporre azioni di vero e proprio accertamento negativo del debito di imposta, in quanto tali strutturalmente estranee all’assetto complessivo del contenzioso fiscale.

Marinello, A. (2021). Gli atti impugnabili nel prisma del processo tributario: lineamenti evolutivi e criticità del sistema. IANUS DIRITTO E FINANZA(23), 37-55.

Gli atti impugnabili nel prisma del processo tributario: lineamenti evolutivi e criticità del sistema

Antonio Marinello
2021-01-01

Abstract

Il tema degli atti impugnabili costituisce uno snodo cruciale nello studio del processo tributario. A seguito delle modifiche che hanno interessato la giurisdizione tributaria negli ultimi anni, con l’inclusione di tutte le controversie che hanno ad oggetto “i tributi di ogni genere e specie comunque denominati”, la giurisprudenza della Corte di Cassazione ha via via ampliato lo spettro degli atti impugnabili, ritenendo che il contribuente possa sempre contestare atti diversi da quelli indicati nell’art. 19, d.lgs. n. 546/1992, purché contengano una pretesa tributaria “compiuta e definita”. Questo orientamento pone seri problemi di coerenza sistematica, in relazione alla natura tipicamente impugnatoria del processo tributario, legittimando il contribuente a proporre azioni di vero e proprio accertamento negativo del debito di imposta, in quanto tali strutturalmente estranee all’assetto complessivo del contenzioso fiscale.
Marinello, A. (2021). Gli atti impugnabili nel prisma del processo tributario: lineamenti evolutivi e criticità del sistema. IANUS DIRITTO E FINANZA(23), 37-55.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
IANUS Marinello_37-55.pdf

accesso aperto

Tipologia: PDF editoriale
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 485.83 kB
Formato Adobe PDF
485.83 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11365/1192965