Divagazioni storiche e non sulla presunta "personalizzazione" delle servitù prediali a seguito di una nota pronuncia costituzionale