Dal volume "La lingua nei lager nazisti" di Donatella Chiapponi (Carocci - Roma - 2004), l'Autore svolge alcune note su quel particolare linguaggio "franco" che si sviluppò nei lager nazisti come strumento di sopravvivenza e di tentativo di recupero di un elemento di dignità alla persona. L'articolo si inserisce nel dibattito intorno al problema della violenza totalitaria e della distruzione della ragione come risultato ultimo dell'affermazione del nazismo.

Ragusa, A. (2005). Comunicare l'orrore. Note sul linguaggio dei campi di concentramento. STORIA E FUTURO, 1-8.

Comunicare l'orrore. Note sul linguaggio dei campi di concentramento.

RAGUSA, ANDREA
2005

Abstract

Dal volume "La lingua nei lager nazisti" di Donatella Chiapponi (Carocci - Roma - 2004), l'Autore svolge alcune note su quel particolare linguaggio "franco" che si sviluppò nei lager nazisti come strumento di sopravvivenza e di tentativo di recupero di un elemento di dignità alla persona. L'articolo si inserisce nel dibattito intorno al problema della violenza totalitaria e della distruzione della ragione come risultato ultimo dell'affermazione del nazismo.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SeF2005.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 117.16 kB
Formato Adobe PDF
117.16 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/11338
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo