Lo statuto ontologico della virtualità leibniziana e i limiti della autoctisi gentiliana