L'ambiguo incanto del paesaggio postmoderno. Su "Rimini" di Pier Vittorio Tondelli