Sul dialetto miceneo e la lingua epica