Per la datazione e l’ordine di realizzazione degli apparati accursiani. Due testimonianze