Martirio, Kamikaze e post-modernità