La creatura barocca. Note per un'interpretazione del 'Gleichnis'