Il picaro e il mazziniano. Sulle "Confessioni" di Nievo