I Google Glass tra ipermediazione e rimediazione