“Perché narrando il duol si disacerba”: virtù terapeutiche della letteratura