Dalla pronuncia della Consulta n. 1 del 2013, assai ricca di insegnamenti, si ricava che il pm non deve depositare le in-tercettazioni "casuali" di conversazioni coperte da segreto. In quanto intercettazioni inutilizzabili "per mo-tivi sostanziali", il pm deve chiederne al giudice l'immediata distruzione, senza attivare il contraddittorio.

Baccari, G.M. (2013). Conflitto Capo dello Stato-Procura di Palermo: la Consulta delinea il potere di filtro del p.m. DIRITTO PENALE E PROCESSO, 663-679.

Conflitto Capo dello Stato-Procura di Palermo: la Consulta delinea il potere di filtro del p.m.

BACCARI, GIAN MARCO
2013-01-01

Abstract

Dalla pronuncia della Consulta n. 1 del 2013, assai ricca di insegnamenti, si ricava che il pm non deve depositare le in-tercettazioni "casuali" di conversazioni coperte da segreto. In quanto intercettazioni inutilizzabili "per mo-tivi sostanziali", il pm deve chiederne al giudice l'immediata distruzione, senza attivare il contraddittorio.
Baccari, G.M. (2013). Conflitto Capo dello Stato-Procura di Palermo: la Consulta delinea il potere di filtro del p.m. DIRITTO PENALE E PROCESSO, 663-679.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Baccari DPPBaccari (1).pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 127.14 kB
Formato Adobe PDF
127.14 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11365/45445
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo