Il nesso di causalità tra lavorazione «tabellata» e malattia professionale