Nonostante il basso numero di elementi determinabili, il campione faunistico della Buca del Leccio, un sito all’aperto ubicato a Belverde, sulle pendici del Monte Cetona (Provincia di Siena), permett e di fare alcune osservazioni sull’economia dei suoi abitanti. Durante le varie fasi di frequentazione risalenti a diversi momenti tra l’Eneolitico e il Bronzo medio iniziale, il campione mostra una generale predominanza degli animali domestici. Sono più frequenti i resti di ovicaprini, seguiti da suini e bovini. I resti degli animali selvatici, rappresentati per lo più dal cinghiale, sono più numerosi nei primi periodi di frequentazione del sito. Summary - Within the limit of the small size of the assemblage, the study of the animal bones and teeth fr om Buca del Leccio, an open-air site located at Belverde on the slopes of Monte Cetona (province of Siena, Italy), aims to provide information on the economy of the sett lement. Th e assemblage come fr om all phases of its continuous occupation fr om the Copper Age to the early Middle Bronze Age. Domestic species are more fr equent than wild ones. Using the number of identifi ed specimens as a quantifi cation system, sheep and goat are the most numerous taxa in all phases, followed by pigs and catt le. Th e remains of wild animals, mainly represented by wild boar, are most numerous during the fi rst period of occupation.

Wierer, U., Boscato, P., Cuda, M.T., Sarti, L. (2012). Le faune dell'Eneolitico e dell'età del Bronzo della Buca del Leccio (Cetona – SI). In Atti del 6° Convegno Nazionale di Archeozoologia (pp.203-206). Associazione Italiana di Archeozoologia.

Le faune dell'Eneolitico e dell'età del Bronzo della Buca del Leccio (Cetona – SI)

WIERER, URSULA;BOSCATO, PAOLO;SARTI, LUCIA
2012-01-01

Abstract

Nonostante il basso numero di elementi determinabili, il campione faunistico della Buca del Leccio, un sito all’aperto ubicato a Belverde, sulle pendici del Monte Cetona (Provincia di Siena), permett e di fare alcune osservazioni sull’economia dei suoi abitanti. Durante le varie fasi di frequentazione risalenti a diversi momenti tra l’Eneolitico e il Bronzo medio iniziale, il campione mostra una generale predominanza degli animali domestici. Sono più frequenti i resti di ovicaprini, seguiti da suini e bovini. I resti degli animali selvatici, rappresentati per lo più dal cinghiale, sono più numerosi nei primi periodi di frequentazione del sito. Summary - Within the limit of the small size of the assemblage, the study of the animal bones and teeth fr om Buca del Leccio, an open-air site located at Belverde on the slopes of Monte Cetona (province of Siena, Italy), aims to provide information on the economy of the sett lement. Th e assemblage come fr om all phases of its continuous occupation fr om the Copper Age to the early Middle Bronze Age. Domestic species are more fr equent than wild ones. Using the number of identifi ed specimens as a quantifi cation system, sheep and goat are the most numerous taxa in all phases, followed by pigs and catt le. Th e remains of wild animals, mainly represented by wild boar, are most numerous during the fi rst period of occupation.
9788890683206
Wierer, U., Boscato, P., Cuda, M.T., Sarti, L. (2012). Le faune dell'Eneolitico e dell'età del Bronzo della Buca del Leccio (Cetona – SI). In Atti del 6° Convegno Nazionale di Archeozoologia (pp.203-206). Associazione Italiana di Archeozoologia.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
WiererEtAl_AIAZ2012.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 326.07 kB
Formato Adobe PDF
326.07 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11365/25634
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo