L'atto di fondazione della canonica di Arezzo: un falso "sine dolo malo"