'Islandese medio': una realtà storica o un'astrazione linguistica?