Miranduolo è un contesto con carattere di vera e propria “cartina tornasole” per la redazione di modelli storici sull’evoluzione dell’insediamento rurale post-classico e il grande dinamismo delle fasi altomedievali. Una serie di circostanze ed eventi rovinosi (incendi), la sua articolazione per terrazzamenti e l’abbandono definitivo del sito agli inizi del XIV secolo, hanno creato le condizioni per una conservazione ottimale dei depositi archeologici; di conseguenza, attraverso una strategia di indagine basata sullo scavo totale, si è potuta osservare in dettaglio l’evoluzione delle forme insediative nello spazio di quasi otto secoli. Per l’età longobarda, oggetto di questo intervento, si propongono le circostanze della scelta della collina di Costa Castagnoli per impiantare un centro insediativo e produttivo basato sullo sfruttamento minerario del comprensorio e, a seguire, le trasformazioni conseguenti al cambio di vocazione economica.

Valenti, M. (2018). Miranduolo in Alta Val di Merse (Chiusdino - Siena). Un villaggio del regno longobardo tra vocazione mineraria e rurale: VII-VIII secolo.. In Città e campagna: culture, insediamenti, economia (secc. VI-IX) II Incontro per l’Archeologia barbarica Milano, 15 maggio 2017. (pp. 121-140). Quingentole, Mantova : SAP Società Archeologica s.r.l..

Miranduolo in Alta Val di Merse (Chiusdino - Siena). Un villaggio del regno longobardo tra vocazione mineraria e rurale: VII-VIII secolo.

Marco Valenti
2018

Abstract

Miranduolo è un contesto con carattere di vera e propria “cartina tornasole” per la redazione di modelli storici sull’evoluzione dell’insediamento rurale post-classico e il grande dinamismo delle fasi altomedievali. Una serie di circostanze ed eventi rovinosi (incendi), la sua articolazione per terrazzamenti e l’abbandono definitivo del sito agli inizi del XIV secolo, hanno creato le condizioni per una conservazione ottimale dei depositi archeologici; di conseguenza, attraverso una strategia di indagine basata sullo scavo totale, si è potuta osservare in dettaglio l’evoluzione delle forme insediative nello spazio di quasi otto secoli. Per l’età longobarda, oggetto di questo intervento, si propongono le circostanze della scelta della collina di Costa Castagnoli per impiantare un centro insediativo e produttivo basato sullo sfruttamento minerario del comprensorio e, a seguire, le trasformazioni conseguenti al cambio di vocazione economica.
978-88-99547-21-9
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Archeo_Barbarica_2_Valenti.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: PDF editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 2.51 MB
Formato Adobe PDF
2.51 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/1056409