Auerbach e Frye: per una teoria del figurale