i contributi raccolti costituiscono una serie di punti di vista di studiose e studiosi, diversi per provenienza e formazione, che presentano e discutono un campionario impressionante di forme e sfumature di violenza: percosse in nome del diritto del marito a «correggere» la moglie, del padre a costringere e punire la figlia, del padrone a battere la sua serva; ingiurie connesse al comportamento femminile; stupri, segregazioni, omicidi in nome dell’onore tradito; spoliazioni di beni, a partire dalle eredità e dalle doti; matrimoni e monacazioni forzate; manipolazione delle coscienze e violenze inquisitoriali; maltrattamenti, prevaricazione e discriminazione nei luoghi dell’attività economica. Lo spazio è soprattutto quello italiano – città e campagne – ma con aperture all’Europa; il contesto cronologico principalmente quello del basso Medioevo, con sconfinamenti nel Cinquecento e incursioni significative nei secoli precedenti; l’universo di riferimento quello cristiano, senza però escludere le comunità ebraiche e islamiche presenti sul suolo italiano, con cui si è cercato di instaurare un primo confronto; le fonti le più varie: normative, notarili, memorialistiche, giudiziarie, trattatistiche, devozionali, contabili, archeologiche, iconografiche…

Esposito, A., Franceschi, F., & Piccinni, G. (a cura di). (2018). Violenza alle donne. Una prospettiva medievale. Bologna : il Mulino.

Violenza alle donne. Una prospettiva medievale

Franco Franceschi
;
Gabriella Piccinni
2018

Abstract

i contributi raccolti costituiscono una serie di punti di vista di studiose e studiosi, diversi per provenienza e formazione, che presentano e discutono un campionario impressionante di forme e sfumature di violenza: percosse in nome del diritto del marito a «correggere» la moglie, del padre a costringere e punire la figlia, del padrone a battere la sua serva; ingiurie connesse al comportamento femminile; stupri, segregazioni, omicidi in nome dell’onore tradito; spoliazioni di beni, a partire dalle eredità e dalle doti; matrimoni e monacazioni forzate; manipolazione delle coscienze e violenze inquisitoriali; maltrattamenti, prevaricazione e discriminazione nei luoghi dell’attività economica. Lo spazio è soprattutto quello italiano – città e campagne – ma con aperture all’Europa; il contesto cronologico principalmente quello del basso Medioevo, con sconfinamenti nel Cinquecento e incursioni significative nei secoli precedenti; l’universo di riferimento quello cristiano, senza però escludere le comunità ebraiche e islamiche presenti sul suolo italiano, con cui si è cercato di instaurare un primo confronto; le fonti le più varie: normative, notarili, memorialistiche, giudiziarie, trattatistiche, devozionali, contabili, archeologiche, iconografiche…
9788815274380
Esposito, A., Franceschi, F., & Piccinni, G. (a cura di). (2018). Violenza alle donne. Una prospettiva medievale. Bologna : il Mulino.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/1034024