Appunti per una “archeologia del pane” nel Mediterraneo tardoantico