Il saggio discute alcune traiettorie di ricerca emergenti all’interno del dibattito sull’Adult Education, approfondendo in particolare le metodologie e i dispositivi formativi utili a valorizzare e sviluppare le conoscenze generate dalle persone nelle comunità professionali e nelle organizzazioni. I costrutti di apprendimento informale, comunità di pratica e Trasformative Learning rappresentano i punti di riferimento principali del lavoro di ricerca presentato. Queste prospettive teoriche, delineano spazi di riflessione transdisciplinare dentro i quali la ricerca didattica contribuisce alla definizione di metodologie attive di sviluppo in grado di valorizzare le potenzialità apprenditive e trasformative dei soggetti situate nei contesti di vita e di lavoro. Una prima riflessione interessante che emerge dall’indagine è relativa all’affermazione di Local Theory capaci di rendere conto di azioni situate, di approcci dialogici e partecipativi alla costruzione della conoscenza personale, professionale e organizzativa. Gli studi e le esperienze sulla formazione descritte nel contributo sottolineano l’efficacia di quelle pratiche che giocano il loro potenziale nell’accompagnare le comunità nello sviluppo di capacità riflessive e trasformative, interrogando gli accadimenti lavorativi quotidiani e cogliendone gli inediti, sottoponendo a validazione le soluzioni nate dal basso dalle comunità di pratiche.

Fabbri, L. (2014). La formazione situata. Dispositivi per conoscere e coltivare gli apprendimenti informali. In La formazione e il "carattere pratico della realtà". Scenari e contesti di una pedagogia in situzione (pp. 149-164). Lecce : Pensa multimedia.

La formazione situata. Dispositivi per conoscere e coltivare gli apprendimenti informali

FABBRI, LORETTA
2014

Abstract

Il saggio discute alcune traiettorie di ricerca emergenti all’interno del dibattito sull’Adult Education, approfondendo in particolare le metodologie e i dispositivi formativi utili a valorizzare e sviluppare le conoscenze generate dalle persone nelle comunità professionali e nelle organizzazioni. I costrutti di apprendimento informale, comunità di pratica e Trasformative Learning rappresentano i punti di riferimento principali del lavoro di ricerca presentato. Queste prospettive teoriche, delineano spazi di riflessione transdisciplinare dentro i quali la ricerca didattica contribuisce alla definizione di metodologie attive di sviluppo in grado di valorizzare le potenzialità apprenditive e trasformative dei soggetti situate nei contesti di vita e di lavoro. Una prima riflessione interessante che emerge dall’indagine è relativa all’affermazione di Local Theory capaci di rendere conto di azioni situate, di approcci dialogici e partecipativi alla costruzione della conoscenza personale, professionale e organizzativa. Gli studi e le esperienze sulla formazione descritte nel contributo sottolineano l’efficacia di quelle pratiche che giocano il loro potenziale nell’accompagnare le comunità nello sviluppo di capacità riflessive e trasformative, interrogando gli accadimenti lavorativi quotidiani e cogliendone gli inediti, sottoponendo a validazione le soluzioni nate dal basso dalle comunità di pratiche.
9788867602278
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11365/975514
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo