Il cigno e l'ermellino. Il tardo Rezzori e il ripudio della purezza