I "pre-Rozzi": questi fantasmi